Tuscia nella Top Ten italiana dell’imprenditoria. Serenella Papalini:”Trend di crescita nella nostra provincia”

Viterbo –  La Tuscia nella top ten italiana delle province con maggior tasso di femminilizzazione, ovvero il peso relativo delle imprese femminili sul totale delle imprese. È quanto emerge dalla fotografia scattata dall’Osservatorio dell’imprenditorialità femminile di Unioncamere-InfoCamere, sulla base dei dati al 30 settembre scorso, confrontati con lo stesso periodo del 2014. L’analisi fa da sfondo alla decima edizione del Giro d’Italia delle donne che fanno impresa, l’iniziativa organizzata da Unioncamere insieme ai Comitati per l’imprenditorialità femminile delle Camere di commercio, che il 12 dicembre toccherà proprio Viterbo.

Partito giovedì 9 novembre da Firenze, il Giro d’Italia delle donne che fanno impresa ha toccato il 10 novembre Pescara, e poi sarà a Ravenna (16 novembre), Arezzo (28 novembre), Torino (30 novembre), Ferrara (4 dicembre), Mantova (5 dicembre), Lecce (7 dicembre) e dopo la tappa viterbese si concluderà a Roma (14 dicembre). Obiettivo dell’iniziativa: informare le imprenditrici e offrire strumenti formativi a chi aspira a diventarlo, dare visibilità alle dinamiche che riguardano l’occupazione femminile e creare consenso sul tema delle pari opportunità.

I dati del Registro delle imprese mostrano una presenza crescente delle donne nel sistema produttivo anche nella provincia di Viterbo che tra settembre 2014 e settembre 2017 è passato da 10.043 a 10.338, con un tasso di femminilizzazione pari al 27,5%. Mentre al livello nazionale a fine settembre scorso, hanno sfiorato un milione e 330mila unità, aumentando non solo di numero (quasi 32mila in più), ma facendo crescere anche l’incidenza sul totale: dal 21,45% del settembre 2014 al 21,83% della più recente rilevazione.

Sono dati – dichiara Serenella Papalini, presidente del Comitato per la Promozione dell’Imprenditoria femminile della Camera di Commercio Viterbo – che confermano il trend di crescita nella nostra provincia del numero di imprenditrici, grazie a una diffusa capacità di intrapresa, talvolta indotta dalle difficoltà di entrare nel mondo del lavoro. In tal senso l’appuntamento del 12 dicembre a Viterbo del Giro d’Italia delle donne che fanno impresa sarà un’ulteriore occasione per offrire stimoli, opportunità e servizi che possono agevolare la nascita e lo sviluppo di imprese femminili”.

Articoli consigliati