“La terza età” di Simone de Beauvoir, incontro di riflessione a Viterbo

Viterbo – Si e’ svolto lunedi’ 13 novembre 2017 a Viterbo presso il “Centro di ricerca per la pace e i diritti umani” un incontro di riflessione sulla condizione anziana muovendo dal commento di alcuni brani del libro “La terza età” di Simone de Beauvoir e confrontandolo con le proprie esperienze personali sia di caregiver che di anziani.

Simone de Beauvoir e’ nata a Parigi nel 1908; e’ stata protagonista, insieme con Jean-Paul Sartre, dell’esistenzialismo e delle vicende della cultura, della vita civile, delle lotte politiche francesi e mondiali dagli anni Trenta fino alla scomparsa (Sartre e’ morto nel 1980, Simone de Beauvoir nel 1986). Antifascista, femminista, impegnata nei movimenti per i diritti civili, la liberazione dei popoli, di contestazione e di solidarieta’, e’ stata anche lucida testimone delle vicende e degli ambienti intellettuali di cui e’ stata partecipe e protagonista. Opere di Simone de Beauvoir: pressoche’ tutti i suoi scritti sono stati tradotti in italiano e piu’ volte ristampati; tra i romanzi si veda particolarmente: Il sangue degli altri (Mondadori), Tutti gli uomini sono mortali (Mondadori), I mandarini (Einaudi); tra i saggi: Il secondo sesso (Il Saggiatore e Mondadori), La terza eta’ (Einaudi), e la raccolta Quando tutte le donne del mondo… (Einaudi). La minuziosa autobiografia (che e’ anche un grande affresco sulla vita culturale e le lotte politiche e sociali in Francia, e non solo in Francia, attraverso il secolo) si compone di Memorie d’una ragazza perbene, L’eta’ forte, La forza delle cose, A conti fatti, cui vanno aggiunti i libri sulla scomparsa della madre, Una morte dolcissima, e sulla scomparsa di Sartre, La cerimonia degli addii, tutti presso Einaudi. Opere su Simone de Beauvoir: Enza Biagini, Simone de Beauvoir, La Nuova Italia, Firenze 1982 (cui si rinvia per una bibliografia critica ragionata).
*
Le persone partecipanti all’incontro hanno espresso ancora una volta il loro sostegno all’appello “Una persona, un voto” per il riconoscimento del diritto di voto a tutte le persone residenti in Italia, ed all’appello affinche’ sia riconosciuto a tutti gli esseri umani il diritto di giungere nel nostro paese in modo legale e sicuro.
Hanno espresso altresi’ il loro sostegno agli appelli affinche’ il Senato deliberi in via definitiva la legge sullo “Ius soli”.
Ugualmente hanno espresso il loro sostegno all’appello affinche’ l’Italia ratifichi al piu’ presto il trattato di interdizione delle armi nucleari del 7 luglio 2017.

Articoli consigliati